L’arte è sperimentazione del pensiero, invenzione, esercizio di sensibilità, intuizione, gioco.
Le emozioni si riflettono nel mio lavoro e il segno, che ne è parte essenziale e spesso imprevedibile, è trama della narrazione, del tempo che scorre, dettaglio di  una scrittura che continuamente si modifica, è ritmo, istante, pensiero.
L’artista è un pellegrino, perennemente in “viaggio” e le sue opere sono lo specchio della sua coscienza, della sua solitudine e del suo limite.